mercoledì 23 gennaio 2019

Tutorial Finto Marmo (molto breve): Calacatta


Uno dei materiali più belli che la natura ci offre, sono le formazioni sedimentarie calcaree ovvero i marmi.
Questa roccia liscia e splendente nelle sue varie fogge e colori è stata la protagonista di rivestimenti decorativi illustri e pregiati anticamente, come chiese, edifici pubblici e case di rappresentanza.
Al giorno d'oggi il suo impiego sta divenendo limitato a causa degli alti costi per le forniture.
 Si vendono molti prodotti plastici e a base di resina che imitano il marmo ma io non li amo a mio avviso hanno qualcosa di "freddo", come se non avessero anima.Chiunque può eseguirne la posatura di questi impasti già pronti ma non tutti i posatori hanno sensibilità artistica.
Io preferisco prendere terre e pennelli e iniziare ad ammirare la più grande artista che ci sia; madre natura.
Foto o campione del marmo da riprodurre alla mano.
Ecco allora che entra in azione la mia arte.



Per prima cosa preparo con una sorta di imprimitura di fondo la superficie da trattare, utilizzando un fissativo acrilico nella tonalità media delle varie cromie del marmo; in questo caso era un madreperla molto chiaro.

Il secondo step è quello di scegliere il colore a contrasto di fondo ed iniziare a stendere il colore dando già un pochino la direzione dell'andamento delle venature.
Questo passaggio è fondamentale per dare corpo e trasparenze realistiche alla texture.

Terzo passaggio, armarsi di pazienza e colori il più possibile fedeli all'originale e iniziare a tracciare le venature vere e proprie
inizialmente può essere impegnativa questa operaziona ma acquisendo dimestichezza piano piano diventa anche rilassante.

Successivamente occorre utilizzare un altro colore ancora (in questo caso il bianco)dando tocchi dove serve per imitare ancora meglio le spaccature e i sedimenti del marmo originale

In fine stendere una finitura laccata lucida o eseguire una ceratura per dare corpo e brillantezza al tutto.



Nei prossimi mesi ho intenzione di svolgere seminari per insegnare la realizzazione di questa ed altre tecniche, anche ai fini di "arteterapia".
Se siete interessati seguitemi qui o sulla mia pagina Facebook.


martedì 22 gennaio 2019

Non aprite quelle porte!...sono finte


Androne Hotel "Saint Regis Rome"






                                                                                                                                                                          Una delle tecniche decorative più ad "effetto" è il trompe l'œil, nell' ultimo anno mi sono stati commissionati dopo moltissimo tempo due interventi pittorici da realizzare con questa tecnica, due finte porte, in due stili molto differenti tra loro, una da realizzare con la tecnica della grisaille, l' altra in finto castagno.


Per la realizzazione delle due differenti opere mi sono avvalsa di "illusioni" geometriche realizzate in prospettiva centrale, in entrambi i casi l'effetto finale è stato molto apprezzato e per me è stata una bellissima soddisfazione leggere la meraviglia nei volti dei committenti ad opera terminata
Porta magica tempio massonico sito in Roma

sabato 6 ottobre 2018

Restyling bar "1928"



Quest'avventura inizia un giorno in cui il mio amico e collaboratore Nicola Fagnani (ARDISLAB- costruzioni scenografiche) mi invia dei rendering dicendomi che il mio tocco pittorico è quello che serve nella messa in opera di questa ristrutturazione.
L'altra indicazione che mi da, dopo avermi mostrato la texture per la realizzazione delle patine sulle pareti è "deve avere il sapore di BerlinoEst anni'20".
Così mi metto all'opera studiando velature di differenti cromie per dare al tutto una sembianza "polverosa", vissuta ma volutamente moderna con un aspetto un pò "grunge"ad un concetto pensato come minimale, ho voluto applicare alle pitture un "filtro" come nelle foto virate in sepia.
L


Inserendo anche tocchi "shabby chic" nel trattamento dei legni e delle cornici.





domenica 20 maggio 2018

Bocche di Leone

Uno dei libri che adoro di più è il "Piccolo Principe", in questa opera mi sono ispirata ad una frase tratta dal celebre romanzo di Saint Exupery.
Il mio rosso preferito e la foglia oro che amo inserire nei miei quadri.

"Bocche di Leone" 2018 Mixed Media on Canvas (50x70)
 "le spine non servono a niente, è pura cattiveria da parte dei fiori"
"Non ti credo, i fiori sono deboli. Sono ingenui. Si rassicurano come possono. Si credono terribili con le loro spine."

mercoledì 21 febbraio 2018

Il Vero sta bene con tutto / Si salvi chi può

Bugie 2018 (mixed media 50x50)

Chi si salva?
C' è una teoria che dice che chiedendo spiegazioni ad un bugiardo, si otterranno almeno altre sette bugie per rendere credibile la prima raccontata, qui inizia la storia che voglio raccontarvi, fatta di paure, di incomprensioni, di umanità contro emergenza e di quanto a volte le differenze non aprano finestre su altri mondi; anzi, diventano muri invalicabili contro i quali si rischia di farsi davvero male.

Non so dirvi perchè si menta ma quello che so per certo è che si soffre entrambi.




Mare Nostrum  2018 (mixed media 60x50)

L'amore a volte non basta a superare le differenze culturali, ci vuole tanto impegno da tutte le parti, io ho tentato di salvare ed integrare a suon di batticuore ma non ci sono riuscita, la collaborazione nel mondo che vorrei è una cosa fondamentale, così come la lealtà ma spesso troppo spesso non ci sono i presupposti nè per una nè per l'altra.

Questi due dipinti sono il mio augurio per il risveglio da molti incubi e per un mondo migliore in cui vivere fianco a fianco, senza paure, senza farci più del male, come diceva una famosa canzone...

Ebano e avorio,
Vivono insieme in perfetta armoni
L'uno accanto all'altro sulla tastiera del mio pianoforte,
Oh, Signore, perché non noi?

Il Vero sta bene bene con tutto e si salvi chi può.

giovedì 17 dicembre 2015

Donne nell'Arte l'Eterno Femminile tra natura ed artificio da Camille Claudel ad oggi



Lieta di annunciare di essere parte di questo bellissimo volume; un incantevole viaggio in uno sterminato panorama artistico tutto al femminile a cura di Arpinè Sevagian per ARSEV Ars et Evolutio

















"La ricerca artistica di Giada Podestà parte da una riflessione sulla natura intesa nel senso più
ampio del termine. Diversi i soggetti rappresentati dall'artista che, attraversole sue opere, vuole comunicare le sue idee, emozioni e sensazioni.  Le percezioni e le sue visioni personali della realtà che ci circonda e anche di quello che va oltre il tangibile, toccando la sfera del mistero, sono affidate a tele e pennelli. Il suo mondo fatto di immagini equilibrate e armoniche ci presenta un viaggio alla ricerca del proprio Io narrante e ci lascia una traccia del suo passaggio nell'arte"
(testi di Araxi Ipekjian, Sole Scalpellini)
"There's no Space for Ghosts" 2015 30x30 Tecnica mista acrilico/oilo/lacche su tela